La palestra Bruno Deserti, inserita nel contesto parrocchiale di Zola Predosa, è una realtà storica del paese. Quest’anno aprofittando di svariati lavori di messa in sicurezza della struttura si è pensato di rinnovare anche l’impianto audio in quanto quello precedente risaliva a ben 50 anni fa.

Lo studio che c’è dietro un progetto del genere si basa essenzialmente su 6 aspetti:

  • Utilizzo multifunzionale dello spazio palestra (partite, feste, concerti, conferenze, messe)
  • Copertura audio massima di tutta l’area, dagli spalti al piano di gioco
  • Intelleggibilità del parlato (evitare il “rimbombo”)
  • Utilizzo semplificato per le attività quotidiane
  • Poco spazio a disposizione per l’elettronica
  • Protezione dell’impianto da colpi accidentali

Per risolvere tutti questi aspetti la scelta si è riversata sui 2 altoparlanti Line Array NXL24A, di RCF posizionati ad un altezza di circa 4 metri sul lato lungo del piano di gioco. Con la giusta inclinazione la copertura calcolata era totale e la potenza erogata sufficiente per tutti gli ambiti di applicazione. Per dare più corpo all’audio nel caso di concerti è stato stato aggiunto il Subwoofer 708-AS II (attivabile o meno a secondo dell’applicazione)

L’impianto è stato studiato per avere 2 livelli di utilizzo. Uno semplice per le attività basilari in modo che chiunque possa utilizzarlo in modo semplice e uno più articolato nelle attività più complesse dove è stato aggiunto il mixer digitale Yamaha TF1 collegato tramite protocollo DANTE al DSP.
Il posizionamento dell’elettronica è stata pensata per occupare il minor spazio possibile ma allo stesso tempo mantenendola protetta da colpi accidentali durante le partite.

Un lavoro stimolante che ha portato ad un risultato davvero sorprendente. Un audio cristallino e una potenza molto ben equilibrata.